Nella rassegna di navigatori satellitari Gps troviamo modelli per auto, moto, bici e mezzi pesanti. Fra i più performanti figurano capolavori di tecnologia applicata, quali i prodotti TomTom e Garmin, che ormai godono di reputazione planetaria nel settore dei dispositivi digitali e per quanto riguarda i Gps propongono articoli altamente evoluti in grado di far visualizzare nel dettaglio mappe europee e aggiornamenti mediatici in tempo reale collegabili dallo smartphone. Il dubbio sorge quando si guida un tir, un camion o un altro mezzo pesante. In questo caso, si può essere portati a pensare che per questo genere di mezzi possa andar bene un comune modello per auto. Ni. Non è infatti proprio così, in quanto questa potrebbe non essere la scelta migliore. Vediamo perché. Non tutti sanno che esistono navigatori satellitari Gps specifici per camion, camper, tir, furgoni, autoarticolati o altri mezzi pesanti che si adattano alle dimensioni del veicolo e sui quali montare un modello da auto classica potrebbe essere controproducente e indurre a fraintendimenti anche nella ricezione di info e notifiche. Questo perché soltanto un navigatore relazionato alla grandezza del mezzo può fornire indicazioni precise anche sulle strade percorribili, o meno, da quel dato veicolo. Ci sono stradine, per esempio, soprattutto in contesti di montagna o al di fuori dei circuiti di massa, che possono rivelarsi impercorribili da mezzi particolarmente ingombranti, per cui si potrebbero avere brutte sorprese a montare un navigatore da utilitaria su un tir, che fornirebbe ovviamente indicazioni fuorvianti e fuori misura. Come per le auto e le moto, anche le bici hanno i loro navigatori satellitari dedicati, spesso in abbinamento con i moderni ciclocomputer di cui dispongono i biker più attivi e temerari, amanti dell’avventura e dell’esplorazione anche fuori dai percorsi segnalati dalle mappe, cartacee o virtuali. I modelli più avanguardistici di Gps per bici non si limitano a fornire indicazioni di viaggio sul percorso, ma grazie a questi nuovi strumenti in combinata con i dispositivi digitali i bikers potranno avere a disposizione un mondo di news, feedback e input in tempo reale direttamente da una scatolina alloggiata sul manubrio.