Di solito, i programmi dei migliori elettrostimolatori si suddividono in tre macro-categorie, la classificazione sportiva, quella estetica e l’infortunio. La classe più ‘folta’ raggruppa modelli per atleti e sportivi in genere che fanno largo uso di questo prodotto, tenendo presenti le altre due per chi privilegia l’apparenza e la forma e chi, invece, è reduce da cadute o incidenti. Detto ciò, si possono prendere in esame altri fattori, ad esempio si può far caso ai canali di uscita degli impulsi elettrici, generalmente due o quattro al massimo. A seconda del numero dei canali di uscita l’elettrostimolatore potrà agire su uno o più gruppi muscolari alla volta. Ma in cosa consiste, esattamente, la stimolazione elettrica?

Stimolare un muscolo equivale a stimolare le cellule nervose mediante specifici elettrodi, collegati direttamente al dispositivo, da applicare ad uno o più muscoli. L’azione dell’apparecchio si esplica nella produzione di impulsi a bassa frequenza in grado di generare una contrazione muscolare, come succede quando ci si allena in palestra. Con i nuovi elettrostimolatori, invece, tutto questo può essere riproposto con gli stessi risultati senza muoversi di casa, grazie all’uso di queste tecniche di elettrostimolazione che, però, vanno evitate in soggetti a rischio come donne incinte, malati di cuore ed epilettici. Oltre a un utilizzo in ambito sportivo ed estetico, gli elettrostimolatori, almeno i migliori, trovano una giusta collocazione anche in ambito medico, soprattutto nell’adozione di programmi riabilitativi e nel trattamento del dolore.

Più che aspettarsi miracoli gli elettrostimolatori agiscono sulla massa muscolare riequilibrandola attraverso la contrazione del muscolo che invia un segnale al cervello mediante le fibre nervose.Con l’elettrostimolatore non si prende la ‘scossa’, in questo è un prodotto sicuro al 100 per mille, che assicura efficacia attraverso la stimolazione dei muscoli addominali o di altre parti del corpo. Ma come si usa? È facilissimo da utilizzare, dal momento che non servono specifiche conoscenze tecniche di natura medicale o tecnologica. Non servono specifiche competenze tecniche per poterne usare in modo soddisfacente e proficuo, ma se avete bisogno di saperne di più basta cercare la giusta fonte di informazioni, noi vi consigliamo di informarvi a fondo accedendo al sito dedicato www.cinturemassaggianti.it.